Scritto da Elvira Ruocco

Elvira Ruocco, memoria storica dell’Alfa Romeo grazie alla sua ultra ventennale esperienza presso il Centro di Documentazione Storica Alfa Romeo, è entra a far parte del team del Museo e nella rubrica “Elvira Racconta” condividerà curiosità e aneddoti che non si  conoscono o non si ricordano. Ripercorreremo insieme a lei la leggendaria storia dell’Alfa Romeo.

L’Alfa Romeo nelle varie forme d’arte

Jun 14, 2017 | Uncategorised |

Un’ occasione per ricordare una storia leggendaria e tutti coloro che hanno contribuito a creare il mito Alfa ma anche per attrarre e motivare nuove generazioni a tenere ancora vivo questo mito negli anni a venire.

Spesso le vetture Alfa Romeo sono state accostate ai modelli delle collezioni di grandi stilisti come Cardin, Dior, Givenchy, Lanvin, Ungaro, Missoni. Valentino ha addirittura disegnato gli interni dell’ Alfasud Valentino e Fiorucci ha fatto altrettanto con la Giulietta che fu elaborata nel 1978 dai designers Andrea Branzi ed Ettore Sottsass Jr. e realizzata presso lo stabilimento della Zagato.

Nel cinema le Alfa Romeo sono presenti in molti film di successo oltre a “Il Laureto”: Ultimo incontro, La voglia matta, Deserto rosso, Giulietta degli Spiriti, Banditi a Milano, L’audace colpo dei soliti ignoti, per citarne alcuni dei più famosi.

Case italiane come l’Alfa Romeo, la Fiat, la Ferrari, e altre marche estere, sono ricordate nei francobolli, specialmente con modelli di vetture del primo periodo quando l’automobile era ancora una derivazione della carrozza, oppure con alcune importanti auto da corsa note per aver conquistato dei Gran Premi, o corse nazionali importanti, o di durata o di rally. L’Alfa vanta sicuramente un buon gran numero di francobolli. Il primo è del 1930: in occasione della 4^ Fiera di Tripoli fu emesso dalle poste italiane un francobollo dal valore di 5 lire che rappresentava la vettura RL Turismo carrozzato Torpedo dalla carrozzeria Castagna .

Grandi cartellonisti come Dudovich, Molino e pittori come Magritte e Boccasile hanno spesso accostato vetture Alfa Romeo a figure femminili.

Anche nella narrativa le Alfa Romeo sono protagoniste in numerosi libri, in particolare romanzi gialli e di spionaggio.

Per uscire dallo standard delle coppe, se pur di nobile metallo ma coniato industrialmente, l’Alfa si è spesso rivolta a scultori famosi per la realizzazione di opere d’arte per i suoi campioni. Cito alcuni nomi fra i più famosi: GiòPomodoro, Luciano Minguzzi, Lucio Fontana, Emilio Greco, Agenore Fabbri, Andrea Cascella,  che hanno legato il loro nome all’Alfa Romeo realizzando, “ con la  massima libertà di ispirazione nel concepire l’opera”, i trofei con i quali venivano premiati i piloti vincitori in tutte le categorie a livello europeo e mondiale.

Ma non è tutto. Vetture Alfa sono esposte in permanenza in Musei di tutto il mondo a testimoniare l’arte del perfetto connubio tra meccanica e design.

Lo stile Alfa Romeo non ha soltanto contrassegnato un’epoca ma ha contribuito a far conoscere l’industria e il lavoro italiano in tutto il mondo. La silhouettes delle sue carrozzerie e i suoi motori brillanti hanno conquistato un vasto pubblico di Alfisti fanatici, entusiasti, fedeli e affraternati in un lungo amore chiamato Alfa Romeo.